Le 7 cose cose che non si dovrebbero mai fare o dire durante un colloquio

Questo articolo è liberamente tratto dal sito Business Insider.

In un mercato del lavoro in crisi anche le piccole cose sono importanti, specialmente durante un colloquio di lavoro. Ecco quindi 7 cose che non si dovrebbero mai dire o fare durante una job interview.....per evitare che la prima impressione che si dà sia anche l'ultima:

  1. Non arrivare tardi al colloquio - può sembrare una banalità, in realtà capita spesso di non aver fatto abbastanza per evitare gli imprevisti che ci porterebbero ad arrivare in ritardo. Essere sicuri di avere l'indirizzo giusto e il numero di telefono della persona da avvisare in caso di contrattempo. Essere sicuri di conoscere il tragitto, i mezzi di trasporto, calcolare il tempo di percorrenza e uscire d casa con almeno 15 minuti di margine. Anche la migliore scusa può risultare sospettosa perché le persone portano ogni volta sempre le stesse scuse. Allo stesso tempo, se arrivi troppo in anticipo è meglio fermarsi in un bar a bere un caffè piuttosto che presentarsi al colloquio troppo presto con il rischio di apparire disperato. 5 minuti prima dell'orario stabilito è il momento perfetto.
  2. Non arrivare impreparato - Anche questo può sembrare ovvio, invece molte persone si presentano ai colloqui di lavoro impreparati, senza ad esempio aver minimamente guardato il sito web dell'azienda o aver tentato di vedere chi sono le persone con cui sarà tenuto il colloquio (fate un tentativo su google e su linkedin). Altrimenti si tende a fare domande ovvie che danno all'intervistatore un segnale di superficialità e pigrizia. "Non chiedere se l'azienda è pubblica o privata, dove ha la produzione, da quanto tempo esiste. Tempera la matita prima di andare a scuola!"
  3. Non chiedere informazioni su salario, benefits e altro del genere - L'obiettivo del colloquio non deve essere "cosa l'azienda può fare per te", ma "cosa puoi fare tu per l'azienda", perciò durante il colloquio devi focalizzarti sugli aspetti che ti rendono indispensabile per quell'azienda. I tuoi interessi devo essere per il tipo di lavoro e per le tue eventuali responsabilità, non su quanti giorni di ferie, di malattia, compenso etc. domande che invece è bene evitare.
  4. Non focalizzarsi sulle aspettative future ma sul lavoro di quel momento - Il colloquio di lavoro non è il luogo giusto per chiedere informazioni sull'avanzamento di carriera e le prospettive future di crescita. E' bene essere focalizzati sul lavoro per cui si sta facendo il colloquio. Certamente l'azienda vuole vedere che sei una persona ambiziosa, ma vuole anche essere sicura che tu sarai "devoto" al lavoro per cui stai facendo il colloquio e che questo non rappresenta per te solo un passaggio verso un programmato avanzamento di carriera.
  5. Non trasformare le domande sui tuoi punti deboli in qualcosa di positivo - Quando gli intervistatori ti chiedono di parlare dei tuoi punti deboli non dire che sei un gran lavoratore o che sei troppo perfezionista. Piuttosto sii onesto e tira fuori i tuoi veri punti di debolezza che potranno essere migliorati e che non interferiranno con la possibilità di compiere un buon lavoro.
  6. Non mentire - Non esagerare sulle tue esperienze o sulle tue capacità perché anche se otterrai quel lavoro ci sono ottime probabilità che poi non sarai in grado di gestirlo. Inoltre più menti più sarà facile scivolare sulle proprie bugie all'inseguimento della coerenza con ciò che hai detto di falso.
  7. Non chiedere se ci sono delle buone ragioni per cui non sarai selezionato - L'intervistatore potrebbe semplicemente non essere sincero perché spesso non ha ancora deciso. Inoltre tale domanda tende a creare imbarazzo e tende a far sollevare l'attenzione del tuo intervistatore sui tuoi punti debli.